Numero Sei del 31/07/2020

In questo numero

Siamo ormai nella fase tre dell’emergenza provocata dalla pandemia da SARS-CoV-2, però sarà bene non dimenticare del tutto quanto è successo e quali comportamenti virtuosi dobbiamo continuare a praticare. Per quanto riguarda la nostra professione, l’uso di protezioni nell’attività strumentale rimarrà certamente per molto tempo e uno degli strumenti fondamentali per l’attività dell’optometrista e del professionista delle lenti a contatto, senza il quale non si può neppure lontanamente parlare di pratica della contattologia, come si sa, è la lampada a fessura. Questo numero inizia proprio con un intervento su quanto proteggano gli schermi parafiato durante l’uso di questo indispensabile strumento. Lo studio pubblicato su Ophthalmology e presentato da Laura Boccardo promuove l’uso dei parafiato, ma sottolinea l’importanza di indossare anche le mascherine, un mezzo di protezione che forse dovremo continuare a portare per molto tempo, almeno nelle situazioni nelle quali si hanno contatti ravvicinati e prolungati tra persone, come quelli che avvengono nelle attività di clinica oftalmica e optometrica.

Sempre Laura Boccardo presenta nel secondo articolo un interessante studio, appena uscito su Ophthalmic & Physiological Optics, relativamente alle evidenze scientifiche che riguardano protezione dalla luce blu, dispositivi digitali, e luce emessa da illuminazione LED. I professionisti della visione devono fare ben attenzione a consigliare i trattamenti blue-blocking per dispositivi ottici che vengano utilizzati esclusivamente in interni.

Con il terzo pezzo si passa ad un altro argomento sempre molto attuale e dibattuto, al centro delle attenzioni di professionisti, centri di ricerca e istituzioni: la gestione della miopia. Gli autori dello studio, che viene presentato qui da Lorenzo Fossetti, si chiedono se l’assunzione abituale di vitamina A possa avere effetti benefici sull’insorgenza della miopia. La vitamina A, che viene associata a molti benefici per i fotorecettori, fa parte della famiglia dei carotenoidi, tra i quali ricordiamo la luteina e la zeaxantina, così importanti nella protezione della retina e nella riduzione del rischio di sviluppare la degenerazione maculare legata all’età. Sul suo possibile contributo anti-miopia vi lasciamo alla lettura dell’articolo.

In questo numero iniziamo a presentare alcuni dei lavori sperimentali che vengono eseguiti da studenti dell’IRSOO o del corso di Laurea in Ottica e Optometria, molto spesso con lo scopo di realizzare la tesi finale del percorso di studi. In questo primo caso si tratta di uno studio effettuato da Andreina Corsano, una diplomanda del corso di optometria biennale dell’IRSOO. Il lavoro è stato presentato come tesi finale, relatore il prof Carlo Falleni, nella sessione del 03/07/2020 realizzata on line. La finalità del lavoro era quella di mettere a confronto occhiali progressivi e lenti a contatto multifocali relativamente alla loro funzionalità e al grado di soddisfazione in un gruppo di presbiti abituali portatori di lac multifocali. Oltre alle misure di funzionalità visiva il lavoro ha previsto la somministrazione di due questionari, uno per la visione da lontano l’altro per la visione da vicino. L’analisi dei dati e i questionari soggettivi sembrano mostrare un contrasto tra performance visive e soddisfazione con le lenti multifocali. L’autrice suggerisce una propria interpretazione per spiegare questo apparente contrasto tra dati e sensazioni.

Infine il consueto intervento di Giulia Farsetti su visione e arte. Questa volta si parla di illusioni ottiche, un tema affascinante che riesce sempre a suscitare interesse, non solo negli addetti ai lavori.

Buona optometria a tutti

Articoli

Quanto proteggono gli schermi parafiato per lampada a fessura?

Gli schermi in plexiglass per banchi, scrivanie e strumenti sono diventati un comune elemento di arredo che caratterizza la ripresa della nostra attività professionale dopo la fase 1 dell’emergenza Covid-19.

Leggi di più

Occhiali protettivi per la didattica a distanza?

Con la pandemia insegnanti e alunni di ogni ordine e grado si sono ritrovati improvvisamente catapultati in una realtà virtuale, fatta di monitor invece che di lavagne e quaderni. In pieno lockdown, pare sia aumentato il numero di bambini e ragazzi che portano gli occhiali per proteggere dalla luce del monitor. Ma sono necessari?

Leggi di più

La vitamina A è benefica per gli occhi, ma potrebbe prevenire anche la miopia?

Un recente studio australiano, pubblicato su Translational Vision Science & Technology, ha deciso di indagare più a fondo sugli effetti della vitamina A sulla vista, in particolare su una possibile azione nella prevenzione dello sviluppo della miopia.

Leggi di più

Valutazione delle performance visive e del grado di soddisfazione in alcuni portatori presbiti corretti con occhiali e lenti a contatto

Si tratta di uno studio realizzato per una tesi di diploma dell’IRSOO. Scopo del lavoro era misurare le performance visive in soggetti presbiti già portatori di lenti a contatto multifocali e compararle con quelle ottenute con i loro occhiali progressivi o monofocali.

Leggi di più

Illusioni ottiche nell’arte: da Vasarely ad Arcimboldo, passando per Escher

Mondi nuovi, scenari irreali, visioni oniriche: l’arte, soprattutto dal Novecento, ha giocato con linee, colori e forme per confondere la mente e gli animi dello spettatore. Attraverso illusioni ottiche, alcuni artisti hanno dato vita ad un aspetto ludico dell’arte, a volte anche polemico, trasgressivo e provocatorio perché non sempre il mondo che viene rappresentato è esattamente quello che è…

Leggi di più